This is an awful day and no one cares. 

Perché il problema è che quando sei sola, e intendo quel soli anche in mezzo alla gente, e quelle banalità là, la giornata sta davvero poco a girare per il verso sbagliato, a mettere in luce tutti i punti d’ombra della tua vita, a spiattellarti in piazza il deprimente esame di realtà che puntualmente, e convenientemente, ometti di fare, che nascondi sotto il letto con la polvere, che per inciso è grigia, non azzurra come paiono convinti quelli di QVC. 

Insomma, figurarsi poi quando di ragioni ce ne sono. 

Annunci

Eppur

Dopo due anni di analisi ancora gli stessi errori, le stesse abitudini e le stesse insicurezze. 

Certo non su tutto, ne abbiamo fatta di strada, ma le cose fondamentali ancora bruciano. E ancora mi faccio rovinare le giornate dalla mia patologica fissazione sull’uomo- pardon, ragazzo, di turno. E così un’altra volta ancora il mio cielo si dipinge di nero senza ragione, o forse la ragione sono io. 

Insomma della serie “quando i martedì sono di gran lunga peggiori dei lunedì”

L’amore ai tempi di Tinder

Quando ero giovane, ed andavo all’università, le tragicomiche erano diverse. 

Ricordo che pensavo, se il ragazzo di turno si era fatto sentire dopo la prima uscita, che quello probabilmente sarebbe stato il prossimo, ormai era “tutta in discesa”: avevamo già entrambi fatto abbastanza fatica per buttare tutto al vento senza adagiarci su quella relazione per almeno un paio di mesi. E così andava, tutto bene tutto liscio ci si divertiva quanto basta e poi qualche pianto, forse qualche parola o azione azzardata, e allegramente si svolazzava reciprocamente verso altri lidi, nessun rancore, nessun rimpianto. Era facile. Era felice

Oggi invece paradossalmente può essere più facile, ma è peggio (almeno per me, e forse per la mia generazione, che non siamo nati né cresciuti con questi modi strani). Oggi sembra così semplice trovare un altro, altrettanto buono o pure meglio, e ci sfuggiamo tra le mani, senza neanche pensarci. Ci dedichiamo un attimo, e se l’attimo non è assolutamente perfetto al primo tentativo, buttiamo tutto e ci buttiamo sull’attimo dopo. Sempre di corsa anche qui.